Nuova Mazda MX-5 rinnovata e più guidabile1 min read

1 min read

Le case automobilistiche vogliono sempre ascoltare richieste dei clienti, e al momento di rifinire un modello già in vendita qualcuno può ancora farlo: Mazda è fra le più attive in tal senso, come dimostra la rinnovata MX-5, ordinabile da giugno in Giappone con una serie di migliorie che vanno a sopperire quelle mancanze di cui molti si erano lamentati. A cominciare dalla scarsa potenza dei motori fino alla posizione di guida non ottimale per chi è più alto. Le stesse novità verranno adottate per la versione per l’Europa, che arriverà entro fine 2018 o inizio 2019.

#Tiraevibra: 

Il miglior upgreade della MX-5 2018 interessa il motore a benzina 2.0 Skyactiv-G, che in molti vorrebbero più potente dei suoi 160cv. Con l’aggiornamento adotta valvole riviste, pistoni e bielle alleggerite e il volano bi-massa per smorzare le vibrazioni; ottenendo un incremento della potenza fino al 15%: i cavalli dovrebbero essere circa 184. Mazda ha rivelato che il regime massimo aumenta da 6.800 a 7.500. Ciò significa più “tiro” agli alti regimi, a tutto vantaggio della sportività. Il costruttore giapponese ha rivisto il 1.5 Skyactiv-G da 130cv, che secondo le prime informazioni diventa più “pulito” e meno inquinante.

#Comodiglialti: 

L’altra grandissima novità della spider giapponese è costituita dal volante regolabile in profondità, una modifica gradita a chi è alto: in questo modo anche loro riusciranno a trovare una posizione di guida più adatta alla loro statura, cosa che finora non era facile considerando le dimensioni compatte dell’auto che è lunga solo 3,92 metri. In aggiunta a queste migliorie la MX-5 2018 utilizza un rinnovato computer di bordo nel cruscotto, inedite ruote da 16″, la capote marrone ed i rivestimenti in pelle color tabacco.

Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!