La serie G si conclude con la Final Edition2 min read

2 min read

Diciamocelo… alla fine è una delle classiche auto da cattivi dei film; l’abbiamo vista in film di azione o spionaggio, ma è dal 1979 che Classe G è sinonimo di fuoristrada tantè che la lettera G ha caratterizzato tutti i modelli off-road di Mercedes.
Questo perché venne, fin dal suo debutto associata sia a solidità è robustezza, che al marchio AMG che le hanno assicurato prestazioni da supercar.
Per celebrare la fine della produzione, a Graz, della Mercedes-AMG G 65 nasce una serie speciale Final Edition che sarà prodotta in 65 esemplari e che riassume la storia di tutto ció che è stato, una sorta di ringraziamento al fuoristrada più potente al mondo. Non è un caso che un terzo delle Classe G venduti siano AMG, comprese quelle esplose durante le riprese dei film.
La Final Edition è già ordinabile ed è venduta al prezzo di 310.233 euro.

# sottoalcofano:

Per una volta cominciamo dal cuore della G65, ovvero il potentissimo V12 da 6 litri biturbo che regala ben 630cv.
Per chi vuole cercare i consumi anche in auto di questo rango, diciamo che, considerando il tipo di auto, sono dichiarati in 17 l/100 km.
Tornando alle prestazioni, l’accelerazione da 0 a 100 km/h è in 5,3’’, con velocità massima limitata a 230 km/h.
La trasmissione rigorosamente a 4 ruote motrici è affidata al cambio automatico 7G-tronic Plus. La combinazione di queste caratteristiche meccaniche, con la grande escursione delle sospensioni, consente alla G65 Final Edition di superare pendenze fino all’80%, di guardare da 60cm di altezza e inclinarsi fino a 28°, senza dimenticare l’angolo di attacco e di uscita di 27° e uno di dosso di 22°, anche se diciamolo è difficile che verrà usata per terreni così impervi.

# laguardo:

Una serie speciale non si misura solo dalle prestazioni, ma dal design di esterni e abitacolo. In questa Mercedes-AMG G65 Final Edition l’aspetto sportivo è rimarcato dalle ruote da 21” a 5 razze in bronzo, pinze freni in argento e strisce laterali AMG Sport.
Ulteriori elementi esclusivi in bronzo opaco sono presenti nella protezione sottoscocca e nella finitura dei paraurti.
All’interno regna la pelle nappa nera e il carbonio.
Chi guida si siede e davanti a se trova un volante AMG Performance sempre in pelle nera, ma la guida è più “leggera” grazie il pacchetto Seat Comfort, con sedili multicontour climatizzati anche per passeggero.
Questa vettura è il tributo alla serie più iconica del suv di Mercedes che è stato in grado nei sui 48 anni di servizio di rendere unico mio marchio di lusso dandogli lustro e notorietà tanto in strada quanto fuori.
Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!