Formula Racing sbarca su Ateca in un allestimento completo…1 min read

1 min read
Dove presentare il nuovo allestimento della Seat Ateca se non al Salone di Barcellona (11-21 maggio) presenterà il suo esordio l’allestimento sportivo FR del SUV del Marchio iberico.
Le linee di questa vettura sono votate alla ricerca del dinamismo, l’acronimo sta per Formula Racing, che fa già prevedere come queste linee vengano accentuate e sfruttare. L’allestimento si aggiunge agli altri Reference, Style e Xcellence, diventandone il top di gamma.
Il piccolo logo appare sul frontale e sul portellone posteriore. Non passano per nulla inosservate le barre al tetto e le cornici dei finestrini in nero lucido.
La griglia frontale, nera, è specifica per il modello, qualche ritocco speciale anche al paraurti anteriore e i fendinebbia. La dotazione aumenta con cerchi in lega da 18″ Performance.
Dietro il lunotto è accostato a tre spoiler, due a lato e uno sopra. All’interno il logo FR appare sui battitacco.
Ci sono il volante multifunzione in pelle con cuciture rosse e e sedili sportivi di serie in Alcantara: la pedaliera in alluminio per accentuarne la sportività.
I motori sono il 2.0 Tsi da 190cv abbinato alla trazione integrale 4Drive e al cambio DSG a sette marce. Volendo ci sono anche i manuali e la trazione anteriore. Le potenze dei propulsori partono dal 1.4 benzina da 150 cavalli.
La dotazione è la più completa: sono presenti il Full Link, il Seat Navi System con schermo touch da 8″, 2 USB, il portellone posteriore elettrico, sistema di parcheggio automatico, sensori posteriori, cruise control adattivo, rilevamento dell’angolo morto e sistema di allerta del traffico posteriore. Solo il meglio per cullare chi vuole la sportività.
Tutto questo alla “modica” cifra di 32.475€ fino ai 35.975€ in base al motore selezionato.
Mica bruscoletti!
SMXLL

Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!