La nuova Kia Picanto, vocazione tecnosportiva…3 min read

4 min read

Kia riscrive il nuovo corso della sua citycar, la Picanto. Nuova nelle linee e negli interni, pronta per affrontare la città al meglio con un tocco di sportività che non guasta mai.

 

# Laguardo:

Ecco, finalmente noto subito che è una Kia moderna: la

Picanto adotta il “Tiger nose” frontale, che distingue tutta la gamma Kia; ora ha il suo posto al centro del muso. Ai lati troviamo i proiettori con tecnologia alogena evoluta e le posizioni a led nella striscia vicino alla griglia inferiore.
Questa Picanto non cresce in dimensioni, ma allunga il passo (le ruote sono più distanziate tra di loro) tutto a favore degli occupanti!
 Si sa, agli italiani le auto sportive piacciono e Piacanto si declina anche nella versione gt-line della nostra prova. Si fa subito notare per il suo carattere sportivo nello sfondo rosso della griglia, modanature rosse e nel disegno rosso dei cerchi.
A chiudere troviamo i fanali posteriori con tecnologia led e, nel caso della più sportiva, il terminale di scarico cromato e un look più aggressivo
I cerchi piccoli da 16″ con una spalla alta, tutto a favore dell’insonorizzazione, un po’ meno alla vista, sembrano un po’ piccoli e sproporzionati per la macchina.# Entro:

 
Il passo più lungo si nota subito nell’abitacolo, soprattutto nei sedili posteriori e nel bagagliaio che raggiunge i 255litri.
Accomodandosi sul sedile del guidatore, si viene subito accolti da sedili comodi, non troppo avvolgenti, perfetti per l’utilizzo di tutti i giorni. La qualità percepita è elevata, anche se le plastiche sono sempre molto spartane, è stato fatto molto lavoro per aumentarne la qualità. Anche il volante, dal design particolare, risulta essere comodo e ben assemblato.
Purtroppo manca il colore, tutto è nero o grigio scuro.

L’unico elemento di colore è lo schermo da 7″ che racchiude la piattaforma di intrattenimento della macchina. Questo è il fiore all’occhiello: oltre alle normali possibilità di ogni auto moderna, incorpora anche il GPS-3D è il sistema Kia connect che è in grado di dare informazioni in tempo reale sul traffico e autovelox.

# Laguido:

Sotto il cofano della GT-line c’è un 1.2 84cv da 4 cilindri che rende l’auto molto divertente e scattante ai semafori. Questo è disponibile fin da  subito anche per la versione più “sobria”. Le altre motorizzazioni disponibili sono un 1.0 da 67cv, molto stanco nella partenza e su lunghi tratti; e un decisamente più brioso 1.0 turbo da 100cv, che fa apprezzare molto questa vettura, tant’è che prenderà posto sulla GT dandole la giusta scossa.
Lo sterzo è leggero, ma preciso; la frizione quasi impercettibile, per il cambio basta la pressione di un dito. Non c’è l’automatico, ma poco importa: la nuova Kia Picanto è talmente facile da usare che affrontare il traffico diventa una passeggiata.
Ben isolata dai rumori esterni, si apprezza moltissimo il lavoro di insonorizzazione fatto. È molleggiata il giusto, con una tenuta di strada che soddisfa.
Sul fronte sicurezza la piccola citycar offre 6airbag e il city brake assist, ovvero la frenata d’emergenza che è in grado di funzionare fino a 80km/h.
 
Questa piccola citycar Koreana arriva sul mercato e sfida direttamente l’inossidabile Panda, proponendo una vasta gamma e i sempre piacevoli 7 anni di garanzia ufficiale: quanta comodità!
Il prezzo d’attacco è di 10.800€, molto competitivo, dato anche gli accessori base che offre già a partire dal modello city. Al suo debutto Kia offre a tutti 1.500€ di sconto ed una finanziamento che può arrivare fino a 300€ di ulteriore risparmio; mica male!

😊
– Il passo lungo fa sì che non cambino le dimensioni, ma aumenta l’abitabilità interna
– Il 1.0 da 100cv regala ottime prestazioni soprattutto con la GT-line, cattiva quanto basta
– La garanzia Kia è un must con cui anche i più apprensivi possono dormir sonni tranquilli.
😔
– Il 1.0 da 64cv risulta essere poco scattante, diventa difficile anche un sorpasso
– È stato fatto molto in ambito qualità, ma si percepisce ancora la sensazione di plastica rigida e mal assemblata.
– Le regolazioni del posto di guida risultano essere poche e vien difficile trovare la giusta posizione di marcia.
Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!