Restyling di Led per Skoda Fabia e ciaone Diesel1 min read

1 min read

Anche per la terza generazione della Skoda Fabia è ora di un restyling di metà carriera che arriverà al prossimo Salone di Ginevra; la tradizione regna e quindi spazio alle rifiniture minimali e agli ausili alla guida.


#lenovitá:
Con il restyling arriveranno i fari a LED anteriori e posteriori, ben quattro motori 1.0 a benzina e il sistema di infotainment Swing con schermo da 6,5”. Per la Skoda Fabia restyling si tratta di un definitivo l’addio al motore Diesel. Il lancio sarà per l’estate 2018.
Sulla Skoda Fabia restyling, sia berlina che Wagon, compaiono i fari a LED, sia davanti che dietro; in particolare i gruppi ottici anteriori hanno una forma differente che porta in secondo piano il rinnovato paraurti e la nuova mascherina.
I fanali posteriori mantengono una forma simile alla precedente, ma con una struttura di lampade a LED.
La gamma dei cerchi in lega è cresciuta arrivando fino alla misura di 18 pollici sulla berlina, mentre nell’abitacolo vi è una diversa strumentazione, rivestimenti inediti e una finitura bicolore per i sedili.
Al sistema multimediale Swing può essere aggiunto un navigatore Amundsen con indicazioni di traffico in tempo reale e dalla tecnologia SmartLink+ compatibile con gli standard Apple CarPlay, Android Auto, MirrorLink e SmartGate

#imotori:
Come detto i motori della Fabia restyling sono tutti dei piccoli tre cilindri a benzina “mille”: si parte dal 1.0 MPI aspirati con 60 e 75cv per arrivare al 1.0 TSI, tutti con filtro antiparticolato, vanno da 95 a 110cv. Fra le dotazioni di aiuti alla guida si segnalano l’allerta angolo cieco, il monitoraggio dei veicoli in avvicinamento durante la retromarcia e il Light Assist che gestisce le luci abbaglianti.

I prezzi…. beh si spera in linea con il modello attuale!

Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!