ABT con la nuova e-Line crea il Volkswagen e-Caddy2 min read

1 min read

I primi e-Caddy di Volkswagen Veicoli Commerciali elettrificati da ABT si possono avere in Germania, da fine novembre 2019. L’ordine può essere effettuato presso concessionari Volkswagen e i partner di e-Line ABT per arrivare nel primo quadrimestre 2020.

ecaddy carica
ecaddy caricaecaddy carica

L’ABT e-Caddy è offerto solo in leasing, a partire da 293euro al mese e anticipo di 3.000€ per il furgone. Il calcolo del tasso di leasing si basa sul prezzo totale, a partire da 29.900€ compresi i 3.000euro di ecobonus della Germania.

#Partner:

ABT e-Line, è partner principale di Volkswagen Veicoli Commerciali per l’elettrificazione. La società installa il motore elettrico, l’elettronica e la batteria sotto il piano di carico, così da mantenere la stessa flessibilità degli interni. 

eline ecaddy abt
eline ecaddy abt

Il veicolo ha una batteria di 37,3kWh con un’autonomia della batteria stimata fino a 159chilometri secondo il ciclo WLTP. La versione furgone del Caddy elettrico ha una capacità di carico fino a 4,2metri cubi.

#Gammaelettrificata:

Oltre alla versione furgone, ABT e-Caddy è disponibile in Furgone Kombi e come autovettura con allestimento Trendline. I veicoli elettrificati ABT e-Line sono progettati per una velocità massima di 90km/h o, in opzione fino a 120km/h.

#Autonomia:

L’autonomia è massimo di 159km con una sola carica della batteria secondo il ciclo WLTP. La batteria viene ricaricata completamente. con alimentazione CA tramite una wallbox da 7,2kW, in circa cinque ore o può essere caricata all’80% della capacità in una stazione di ricarica rapida da 50 kW (CCS) in poco meno di un’ora.

Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!