Il Jimmino sta per tornare… ecco le prime foto del nuovo Suzuki Jimny1 min read

1 min read

Suzuki da poco ha diffuso le prime foto ufficiali della nuova Jimny. La piccola fuoristrada, deriva da una stirpe di 2,85milioni esemplari dal 1970 a oggi, arriverà in Giappone a luglio e sarà disponibile in Europa a settembre. Per il momento non vi sono dati tecnici, largo quindi al solo design, che conferma qualche foto spia intravista nei mesi scorsi.

#Ilpassatotorna: 

La nuova Jimny recupera uno stile squadrato e minimalista, con un tocco classico che ricorda quanto è stato fatto dalla Mercedes Classe G. La carrozzeria a tre porte non ha fronzoli e il frontale ingloba la mascherina con i fari circolari. La personalizzazione è affidata al gioco delle tinte e alla finitura del frontale, continuando con i passaruota e chiudendo con la ruota di scorta posteriore esterna; gli sbalzi ridotti si ispirano ai fuoristrada più puri. Le informazioni tecniche sono per il momento minimal, esattamente come lo stile: troviamo telaio a longheroni, motore longitudinale e trazione integrale inseribile con ridotte utile per guidare fuoristrada.

#Essenziale:

Gli interni non hanno alcun tipo di orpelli, ma adottano soluzioni essenziali, come la strumentazione analogica e la lunga leva del cambio manuale che vuole subito ricordare l’SJ413; gli elementi attuali sono l’infotainment e il volante multifunzione, per altro gli stessi di altri modelli Suzuki. Non manca il mitico maniglione per il passeggero, con tanto di viti a vista per richiamare le mulattiere e la voglia di montagna, mentre non è ancora possibile valutare lo spazio disponibile nella zona posteriore, ma dall’unica immagine vista… beh…. preparatevi a girare molto leggeri.

Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!