Apple pensa alla guida sicura…1 min read

1 min read
iOs 11 è il nuovo sistema operativo di Apple dedicato ad iPhone ed iPad disponibile da una settimana. Molte sono le novità più o meno evidenti, spulciando bene si trova la funzione “Non disturbare alla guida”, dedicata agli automobilisti.
La nuova funzione punta a diminuire l’utilizzo del proprio iPhone mentre si guida spegnendo il monitor e limitando le notifiche come messaggi sms, Whatsapp e telefonate.
Come tutto c’è chi la odia e chi la ama, chi pensa possa cambiare le abitudini degli automobilisti e chi invece sia solo una trovata per pulirsi la coscienza. Ma in realtà com’è?
#comefunziona:
“Non disturbare alla guida” si può attivare con 3 modalità:
– Bluetooth: collegandosi all’auto spegne lo schermo e non visualizza alcuna notifica.
– Automatico: “Non disturbare” capisce i movimenti grazie ad accelerometro ed antenna Wi-Fi attivandosi spontaneamente.
– Manuale: la più classica; basta accendere e spegnere manualmente tramite il centro di controllo.
Quando la funzione “Non disturbare alla guida” di iOs 11 è attiva l’autista non verrà distratto da notifiche, ma gli altri utenti si vedranno recapitare un messaggio di default con scritto: “Sto guidando e ho attivato l’opzione Non Disturbare alla Guida. Risponderà appena possibile”. Basterà rispondere nuovamente al messaggio con la parola “Urgente” attivare la notifica.
Per sbloccarlo bisognerà anche premere il tasto Home e selezionare la voce “non sto guidando”.
Per le mappe del navigator verranno visualizzate con la funzione “Non disturbare” attivata.
Tutto bello, ma non applicabile per le auto con sistemi di infotainment compatibili con Apple CarPlay: in questo caso tutte le notifiche vengono visualizzate sul monitor dell’auto.
Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!