Opel Grandland X Hybrid4… 300cv totalmente ibridi!1 min read

1 min read

Prosegue senza sosta l’inserimento di Opel nel gruppo Psa, il colosso proprietario di Citroen, Peugeot e DS che ha recuperato da General Motors il brand tedesco: adesso la Opel Grandland X condivide la meccanica con o Suv transalpini, compresa la versione elettrificata “Hybrid4”. Sotto la carrozzeria arriva una meccanica ibrida plug-in da  ben 300cv identica a quella della DS7 crossback. 

È, la prima Opel elettrificata di PSA: dal 2024 la marca avrà a listino solo modelli ibridi o elettrici.

#Imotori:

Opel Grandland x alla spina
Grandland x Hybrid4 alla spina

La trasmissione a quattro ruote motrici è un motore benzina 1.6 turbo da 200cv e a due propulsori elettrici da 109cv totali, alimentati da una batteria al litio da 13,2kWh, che si trova sotto al divanetto posteriore: la prima delle unità motrici a zero emissioni con cambio automatico a 8 marce, mentre la seconda è collegata all’asse posteriore. Secondo il costruttore, la vettura può fare circa 50km in modalità elettrica. Inoltre, l’accumulatore può essere ricaricato in due ore con una wallbox domestica da 7,4kW.

#Elettrica:

Frontale Grandland X Hybrid 4
Frontale Grandland x Hybrid 4

La Grandland X Hybrid4, come molti veicoli di ultima generazione, prevede la funzione di frenata rigenerativa: ovvero è possibile guidare solo con l’acceleratore, sfruttando l’attrito generato dall’unita elettrica per rallentare la marcia del veicolo, lasciando al pedale del freno la sola funzione di arresto completo. Per il rifornimento elettrico la clientela potrà usare la rete Free2Move, che ha 85mila punti di ricarica in Europa, memorizzati sul sistema infotelematico della vettura. Il prezzo non è ancora ufficiale, ma dovrebbe essere dell’ordine dei 45mila euro.

Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!

RSS
Follow by Email
Facebook
Twitter