Vuoi dominare la strada guidando una sportiva? Prova 3008!3 min read

3 min read

Peugeot, forte del successo ottenuto con il 2008, lancia il suo nuovo Suv-Crossover, il 3008. Per farlo sceglie un ospite d’eccezione, Stefano Accorsi, che lo sperimenterà. Vediamo cosa andrà a pubblicizzare.

#Laguardo:
Lungo ben 4,40metri, il 3008 è un crossover moderno, con una forte personalità.  Osservandolo colpisce la mascherina verticale frontale, con il bordo lucido, che riprende il profilo della protezione sottoscocca. Il resto del paraurti ha linee sinuose che danno un taglio sportivo al suv. I proiettori sono arretrati,  modello bi-led; il paraurti ha il profilo interrotto da una vistosa “virgola”, dandogli così molta grinta.
 Osservandola di profilo, si nota subito la parte superiore dei finestrini: sono contornati da uno spesso profilo color alluminio; il montante posteriore, ricoperto di plastica nera lucida da quasi l’impressione che il tetto sia sospeso. I cerchi in lega da 18″ hanno un disegno pentarazze molto particolare, che unisce il lucido della razza al nero del cerchio.

 Dietro, oltre al design del portello che ricorda quello della sorellina 2008, colpiscono i fanali a Led verticali composti tre elementi verticali uniti da una fascia nera.

 

 

#Entro:

Appena seduti ci troviamo a grandi altezze, si ha la sensazione di dominare la strada. La seduta dei sedili è confortevole per i lunghi viaggi; si nota subito il cruscotto, posto molto in alto, tanto da essere letto sopra il volante. Sono stati abbandonati i normali strumenti e al loro posto è stato inserito i-Cockpit: un display ad alta risoluzione da 12″,
 configurabile in cinque modi differenti. Il volante ha due razze con una grossa scuola airbag centrale, le parti superiori e inferiori appiattite; poco comode quando bisogna ruotarlo completamente in fase di manovra. La plancia è molto semplice, le forme risaltano grazie a profili in alluminio. Al centro troviamo il display touch da 10″, posto in verticale, che
 racchiude tutte le funzioni principali, ma risulta essere ingombrante, meglio farci l’occhio.Sul tunnel, decisamente alto, troviamo una leva del cambio corta, proprio come quello di un’utilitaria. L’abitacolo è ben rifinito, tutte le plastiche danno una sensazione di solidità. Il bagagliaio, con una soglia di carico a 70cm, è comodo per una famiglia di medie dimensioni.

#Laguido:

 Guidare questo 3008 è piacevole, non sembra neanche di guidare un suv; nel traffico è agile e scattante e si ha la sensazione di dominare la strada. Le sospensioni sono ben tarate ed assorbono bene il pavé. Purtroppo, nonostante sia un suv, non c’è la trazione integrale, ma solo una 2WD anteriore. I motori sono due turbo benzina: un 1.2 da 130cv e un 1.6 da 165cv disponibile solo per il modello gtline. Come Bluediesel troviamo un 1.6 BlueHdi da 120cv e un 2.0 da 180cv.

Con prezzi a partire da 23’800€ troviamo una dotazione molto completa, che punta a conquistare un pubblico più ampio rispetto alle rivali, forte anche del feeling di guida che riesce a dare. Questo può essere uno dei suv che mancavano in un segmento tra i più ambiti del mercato. I primi a riconoscere questo successo sono stati i tecnici che a Ginevra l’han eletta Auto dell’anno 2017.
😊
– I materiali sono di buona qualità e gli assemblaggi curati.
– L’abitacolo e il bagagliaio sono molto spaziosi
– La tecnologia abbonda, dal cruscotto digitale al cruise control adattivo sono moltissime le sfaccettature.
😔
– Il design del volante non è sempre comodo ed è posizionato piuttosto in basso.
– I prezzi sono buoni, ma il listino degli optional è molto costoso.
– La versione 4×4, per ora, non è prevista. C’è, come optional, un controllo di trazione con risposta variabile in base al terreno(Advanced Grip Control).
Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!