Porsche Macan sfodera la carta extra e diventa Performance Edition1 min read

1 min read
La Porsche Macan Turbo Exclusive Performance Edition rappresenta la versione più spinta della suv prodotta dalla Exclusive Manufaktur è stata pensata per abbinare il massimo delle performance con un look sobrio ed elegante. La Suv ha uno dei motori più performante della gamma un V6 sovralimentato, senza dimenticare i dettagli esclusivi che caratterizzano sia gli interni che gli esterni della vettura: il prezzo di partenza è da capogiro: si parte da 116.091euro.
Ovviamente il nome non è a caso, la Exclusive Performance Edition ha il Performance Package che porta la potenza del 3.6 litri da 400cv a 440cv, utili per fare lo 0-100 km/h in 4.4 secondi e per raggiungere una velocità massima di 272 km/h.
A livello tecnico sono presenti freni sportivi con dischi da 390mm, lo Sport Chrono Package, uno scarico sportivo e il Porsche Active Suspension Management con taratura specifica e ribassamento di 1,5cm.
Il nuovo allestimento della Suv ad alte prestazioni sfrutta il pacchetto estetico della Turbo, con l’aggiunta di alcuni elementi creati per questo allestimento. Unici sono i cerchi di lega da 21″ con lo stesso design della 911 Turbo e con finitura laterale in nero lucido, colore ripreso anche dai fanali a Led e dai fanali posteriori.
I profili dello splitter anteriore, dell’estrattore e delle modanature laterali sono rifiniti in Carmine Red, così come i loghi del modello. Il rosso è ripreso all’interno con i sedili in pelle nera e Alcantara rifiniti con inserti in Garnet Red; la stessa tinta viene utilizzata anche per alcuni inserti della plancia oltre che per il ricamo sui poggiatesta e per la cornice dell’orologio.
Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!