New Stratos ritorna in edizione limitatissima1 min read

1 min read

Qualche anno fa fece scalpore la New Stratos: si trattava della fuoriserie commissionata a Pininfarina dal tedesco Michael Stoschek. Si trattava dell’erede spirituale di una vettura che ha lasciato il segno nei rombanti anni 70 del mondiale rally: la Lancia Stratos.
Era un modello nato sulla base della Ferrari F430 Scuderia ed è stato al centro di polemiche per una produzione in piccola serie mia creata.
Ora, a più di 7 anni di distanza, arriva una lieta novella: la Manifattura Automobili Torino atelier creato nel 2014 da Paolo Garella, ha annunciato che produrrà 25 unità della New Stratos, rispettando le specifiche tecniche della versione originale del 2010.

#tuttauguale?
Nel comunicato stampa non è stato reso noto se sotto il cofano vi sarà il V8 della 430 Scuderia; l’unico accenno fatto è riguardo ai cavalli… 550, mentre il 4.3 della sportiva di Maranello si fermava a 510.


La cosa importante è che lo stile rimarrà identico, con molti richiami alla Stratos originale: il tipico profilo appuntito, la coda tagliata, cofano anteriore e posteriore con apertura al contrario e lo spoiler sul tetto.

Nell’abitacolo rimarranno i tratti della New Stratos, con le tasche grandi da poter inserire un casco e l’impostazione prettamente racing.
Negli ultimi anni i sistemi di infotelematica hanno fatto passi avanti e magari potrebbe apparire un monitor touch centrale per gestire infotainment e parametri dell’auto.

#vederla:
Si tratterà sicuramente di un oggetto del desiderio che farà la gioia di pochi; però si potrà vedere dal vivo al prossimo Salone di Ginevra. La Manifattura Automobili Torino ha annunciato la presenza della New Stratos alla kermesse elvetica, così da accontentare gli occhi degli appassionati.

Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!