Lancia Delta firmata Zagato…. unicità e class all’asta.2 min read

2 min read

Se uno prende una Delta HF Turbo con due ruote motrici rappresentava una scelta alternativa e più raffinata rispetto alle GTI fighette, Volkswagen Golf o Peugeot 205 che sia, oppure ancora le Kadett GSI e Ritmo Abarth. Di lei ne esiste anche una versione che, anche se non è una Integrale può avere una quotazione interessante e fuori dai parametri quella che arriverà il 23 maggio all’asta Bolaffi.

#Lesemplare: 

Si tratta di una Delta colore bianco con particolari leggermente diversi da tutte le altre e che la rendono unica: la targhetta Zagato e uno proprio sul libretto: il primo intestatario fu Andrea Zagato. Si tratta di un esemplare normale che venne regalato dalla Famiglia ad Andrea nel 1985, che la personalizzò. Nulla di stravolgente, ma abbastanza per renderla diversa da tutte le altre.L’auto ha solo 3 proprietari e il secondo, prima di venderla, ha avuto la lettera firmata da Andrea Zagato circa le modifiche e le caratteristiche dell’auto, una memorabilia che ha il suo valore.  A cominciare dalla calandra a doppio faro che non deve ingannare: all’epoca la HF aveva i normali fari a trapezio, quindi si tratta di una modifica importante.Idem il paraurti in vetroresina e gli indicatori, che nel modello originario erano compresi nel faro. Unici lo sono anche i convogliatori d’aria sul cofano e il paraurti posteriore; stessa sorte per le minigonne e lo spoiler posteriore. Tutte modifiche che in qualche modo ricordano quanto venne riproposto proprio sulle versioni vincenti nelle competizioni.

#Lechicche:

La lista delle unicità comprende anche cerchi in lega e vetri oscurati, oltre alle targhette identificative Zagato coordinate con Lancia, chiudono il trattamento estetico; ovviamente tutte certificate nella lettera firmata da Andrea Zagato. 

#Lafirma:

La stima per l’auto, merito anche della firma, riportata sul sito Bolaffi oscilla tra i 30 – 45000 euro. Bisogna ricordare che esiste un’altra Delta con la firma Zagato, la rarissima Hyena del 1992, anche se la meccanica è quella della Integrale che ha trionfato nei rally. Qui in più c’è la storia, la proprietà e l’unicità dell’esemplare: un esempio di come si possa trovare auto particolari e dalla storia davvero interessanti anche senza spendere miliardi di euro.

Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!