Sandero Stepway 2017, sorpende con poco2 min read

2 min read
Anche per la Sandero Stepway è ora del restyling di mezza etá. Dacia, marchio satellite di Renault, non rinuncia all’innovazione che sta attraversando il gruppo;  anche lei si adatta alle tendenze innovative e adotta nuovi motori.
#Laguardo:
La Sandero Stepway è quella di sempre, alta da terra, dalle forme geometriche squadrate che danno una sensazione di solidità è robustezza tipica del marchio. Noto subito il restyling della griglia, che prende spunto da quello della Duster, con disegni rettangolari cromati attorno allo stemma. Anche i proiettori hanno un nuovo disegno con l’inserimento dell’illuminazione a Led. Al posteriore troviamo i nuovi gruppi ottici con l’effetto 3D, ottimi per essere visti anche contro sole. Più in basso troviamo un’inedito terminale di scarico cromato che ben si adatta alle fasce paracolpi.
Aspetta aspetta: eh si, quell’occhio vicino alla luce targa è la nuova retrocamera, ottima per i parcheggi e per le retromarce.
 
#Entro:
 

Una delle principali novità sono proprio le rifiniture interne. Ora i sedili hanno  disegni moderni e sono stati rifiniti meglio rispetto all’altra versione. Il volante è ora a 4 razze cromate, di ottima fattura con la possibilità di averlo in pelle traforata. Anche la console centrale ha una rifinitura in carbonio.

#Laguido:Il nuovo motore 0.9 tce da 90 cavalli è brillante e scattante, praticamente l’esatto opposto del 1.2 che va a sostituire, ben si presta alle partenze scattanti della città. Anche fuori città mantiene questa elasticità, solo in salita, dato il peso, tende ad essere un po’ fiacco. Questo motore è disponibile sia in versione benzina che benzina e gpl, a cui si può affiancare sia un cambio manuale a 5 marce che il nuovo cambio robotizzato. È disponibile anche il classico diesel 1.5dci molto versatile ed i consumi sono ottimi.

 Quest’anno la Sandero punta a superare la quota di 50’000 auto vendute; dati alla mano, il 70% del mercato lo fa la Sandero Stepway. Era dunque il momento di darle un nuovo volto, completando così anche il restyling di tutta la gamma.
I prezzi per questa versione sono a partire da 11’700€, rimangono quindi sempre molto contenuti, offrendo molte innovazioni.
 

😊

– Il bicilindrico 0.9 turbo convince per i consumi e per gli sprint alla partenza
– Ottimi i nuovi interni, conquistano senza stravolgere
– Il nuovo design dei gruppi ottici permette ottima visibilità al guidatore e alle altre auto

😔

– I materiali interni risultano sempre duri al tatto.
– A velocità sostenute si sentono forti fruscii provenienti dalla zona delle portiere
– Lo sterzo risulta essere un po’ rigido, anche se preciso nelle curve.

Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!