Lada svela l’erede della Niva con il prototipo Vision 4×42 min read

2 min read

Per il Salone di Mosca, Lada ha messo in mostra la 4×4 Vision: una concept car che mostra le linee delle future Suv del marchio russo con il quale AutoVaz commercializza le sue vetture nell’Europa Occidentale. Viste le proporzioni small e muscolose che molto hanno a che fare con il passato, si può presumere che dalla 4×4 Vision possa derivare la futura Suv di segmento B, un’erede spirituale della mitica Lada Niva. Lunga 4,2metri, la concept sfrutta ció che AutoVaz descrive come una “piattaforma speciale” e usa un powertrain con sistema di trazione integrale del quale non sono disponibili alcune specifiche tecniche.

#Lookmoderno: 

Lo stile della show car sfrutta linee molto personali, in particolare sulla fiancata, dove sono presenti lamierati scavati che ricalcano una X, la stessa che ritroviamo nei gruppi ottici a Led anteriori e posteriori della vettura nel design dei cerchi di lega da 21″. I tratti massicci della carrozzeria sono limati da inserti in plastica nera lungo tutta la parte bassa della vettura che, come per ogni Suv con la vocazione per lo sterrato, si abbinano a grosse protezioni sottoscocca. La sport utility dalle linee compatte ha portato il team di designer di Steve Mattin alla realizzazione di portiere ridotte: le posteriori si aprono controvento e l’assenza di un montante centrale ne aiuta l’ingresso nell’abitacolo.

#Everydigital:

Le X esterne si ritrovano anche all’interno: a dire il vero quasi dovunque; dalle bocchette di aerazione, alle finiture del tunnel per completare con le grafiche del quadro strumenti digitale e dei comandi touch del volante. La plancia ospita un grande schermo per la gestione dell’impianto di infotainment che troneggia su una fila di tasti fisici e il pannello del clima, sotto al quale vi è un pozzetto ricavato davanti al pomello del cambio automatico, dove sono disponibili sei diverse configurazioni selezionabili tramite un cursore rotativo.

Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!