La Spider restmood di Garage Italia Customs ha molte novità da scoprire…2 min read

1 min read

Garage Italia Customs ha annunciato un nuovo progetto per la mobilità elettrica del programma Icon-E. E’ una versione ad emissioni zero di un classico dello stile italiano, l’Alfa Romeo Spider, che segue lo stesso percorso già intrapreso con la Panda prima serie, mettendo l’accento sul concetto di restomod.

#Tocchivintage:

Alfa Spider Garage Italia Custom Posteriore
Alfa Spider Garage Italia Custom Posteriore

Nel mercato delle youngtimer, la Spider continua a crescere di valore. Per questo progetto, l’azienda di Lapo Elkann ha scelto esemplari della quarta e ultima serie, riconoscibili per i paraurti integrati e per i nuovi fari posteriori. Nei teaser ufficiali è possibile notare alcune modifiche estetiche pensate per collegare la versione più moderna della Spider ai modelli precedenti: troviamo anche calotte sui fari anteriori, i cerchi di lega a cinque razze e uno spoiler posteriore, mentre i fari a Led e le maniglie a scomparsa, il brivido della modernità. 

#GrigliaePowertrain:

Alfa Spider Garage Italia Custom interni
Alfa Spider Garage Italia Custom interni

Gli interni mostrano una plancia che ricalca l’originale con bocchette di areazione ridisegnate, risultano però totalmente rivisti nelle finiture rispetto al modello originale. Inoltre, pur in presenza del motore elettrico, rima le mitica leva della trasmissione rialzata con una griglia a sei posizioni: per il momento i dettagli del powetrain non sono noti, per questo sembra poco chiara la ragione di questa scelta. L’originalità è data dal tetto trasparente visibile in una delle immagini, ma Garage Italia non ha spiegato tutto questo nel dettaglio. 

Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!