Great Wall punta seriamente a Jeep1 min read

1 min read
L’obiettivo annunciato arriva dalla cinese Great Wall Motors che vuole diventare il primo costruttore di suv al mondo. Per farlo ha puntato la Jeep, che nel mondo suv e nelle fuoristrada ha una lunga esperienza e tecnica, tanto da valutare l’acquisizione del marchio.
Lo ha confermato il presidente della Great Wall, Wang Fengying, con una email al magazine americano Autonews, dove l’azienda è disposta ad iniziare le trattative con FCA, gruppo di cui la Jeep fa parte dove viene considerata un fiore all’occhiello.
FCA non ha commentato le parole della Fengying, si tratta di una società ambiziosa ma più piccola della FCA: nel 2016 i due costruttori hanno fatturato rispettivamente 14,8 miliardi e 131 miliardi di dollari.
La Great Wall appare fiduciosa sulle possibilità di ottenere i finanziamenti per completare l’operazione.
Un analista di banca ha stimato che la Jeep, se venisse scorporata dalla FCA, potrebbe valere circa 33,5 miliardi di dollari, merito della crescita potenziale in termini di vendite e dei risultati economici che la Jeep garantirebbe.
La Jeep ha realizzato negli Anni 40 i veicoli fuoristrada per l’esercito statunitense e da allora ha una solida reputazione nelle auto offroad, diventando fra i costruttori più noti e di esperienza nel genere: non è un caso che il suo nome sia diventato un sinonimo di fuoristrada. La Great Wall è giovane, fondata nel 1984, è specializzata in suv e fuoristrada.
Le cose sono destinate a cambiare: al governo cinese non basta più il mercato interno e pianifica un’espansione strategica a livello mondiale. In questo caso Great Wall ha raccolto alla lettera l’invito e vuol puntare al meglio.
Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!