A Roma ritornano i Gulliver2 min read

1 min read

A Roma tornano i mini bus elettrici, per adesso saranno solo 25 mezzi quelli che arriveranno entro aprile su una linea, ma entro il 2020 arriveranno a 60. Non è ancora stato dichiarato il percorso della linea, ma quasi sicuramente interesserà le zone centrali della capitale. Molto probabilmente verranno riattivate le linee 116, 117, 119 e 125. L’annuncio ufficiale è stato dato dalla sindaca Virginia Raggi, che ha anche presentato uno dei rinnovati Gulliver Tecnobus, gli stessi che erano stati abbandonati in ATAC per mancata manutenzione. 

#Nuovavita:

I bus elettrici furono acquistati dalle precedenti amministrazioni per 250mila€ ciascuno, per qualche anno hanno circolato per le strade di Roma, fino a quando per la manutenzione non è passato ad ATAC che, non potendo sostenerne i costi, ha abbandonato i mezzi nel deposito. Come se non bastasse, recentemente, alcuni mezzi sono andati distrutti da un incendio. Il piano di riammodernamento è stato presentato da ATAC e verrà realizzato grazie alla gara per il revamping di 60 minibus Gulliver fermi da anni a causa di problemi con le batterie. L’accordo per il recupero dei 60 mezzi, compresa la manutenzione “full service” per 6 anni, costa ben 7,1 milioni di euro e comprende la possibilità di acquistare nuove batterie per ulteriori 2 milioni. 

#Segnale:

L’amministrazione Raggi punta a una mobilità più sostenibile guardando anche il trasporto pubblico. Per il momento si tratta di una goccia nell’oceano visto che si tratta di sola linea con bus piccoli, perfetti solo per il centro storico di Roma, viste le dimensioni contenute e compatte, peccato non siamo nemmeno paragonabili alle esigenze dei cittadini.

Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!