La Fiat Panda 4×4 si fa elettrica grazie a Lapo1 min read

1 min read

La 500 Jolly Icon-e di Garage Italia è stata un successo, ora l’azienda ha elettrificato un’altra icona italiana, la Fiat Panda 4×4. Per la nuova vettura del progetto Icon-e l’atelier di Lapo Elkann ha deciso di tenere il design originale di Giorgetto Giugiaro, aggiornandolo con nuovi dettagli. Saranno solo cinque gli esemplari prodotti, ognuno dei quali arriverà nella prossima stagione invernale.

Panderis 4x4
Panderis 4×4

#Sartoria:

Interni Panderis
Particolari interni Panderis

La prima vettura della serie, la Panderis, è nata in collaborazione con la Vitale Barberis Canonico, un lanificio biellese che ha fornito le tappezzerie utili a rivestire gli interni della Panda elettrica. Il cruscotto, i sedili e i fianchetti delle portiere sono impreziositi da una Tela ritorta quattro capi, mentre l’imperiale è in Perennial, un tessuto ispirato al cielo stellato. Sono molti i particolari in Alcantara e un nuovo impianto audio JBL, frutto della nuova collaborazione con la Harman. All’esterno, invece, la Panda 4×4 è stata verniciata in tinta Barberis Brown con linea di bellezza Blu Vitale e cerchi color Canonico Gold. Dopo la Panderis arriveranno la Pandoro, fatta con Marta Ferri, la Pand’Art, realizzata con Arthur Kar de L’Art de L’Automobile, la Pandina Jones, creata con Car&Vintage, e la 00Panda, ispirata al mondo degli agenti segreti.

#100km:

Presa elettrica Panderis
Presa elettrica Panderis

A livello tecnico la Garage Italia ha cambiato il motore termico della Panda 4×4 con un’unità  elettrica della Newtron Group e flangiata sul cambio di serie, una combinazione che permette alla Icon-e di avere una velocità massima di 114km/h. Per il momento non sono state divulgate le informazioni sulla batteria che, a detta dell’azienda, sarebbe in grado di garantire un’autonomia di 100km, con una ricarica un tempo compreso tra le tre e le otto ore, tramite una presa tipo 2.

Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!

RSS
Follow by Email
Facebook
Twitter