Torino si prepara al Salone dell’Auto con una mostra all’aperto1 min read

1 min read

A Torino sta per tornare il Salone dell’Auto al Parco del Valentino; dal 3 maggio potremo gustarci questa mostra sotto i portici nella città dove l’auto italiana è nata. La 4ª edizione del Parco Valentino Salone dell’Auto Torino è prevista dal 6 al 10 giugno, ma maggio sarà passibile vedere l’esposizione fotografica dal titolo “Un percorso nella storia dell’automobile”, attenzione però…  rimarrà allestita nei portici di via Po per soli 45 giorni.

#pannelli:

La mostra è stata creata pannelli sospesi sotto i portici, mediamente uno per marca. Ogni facciata avrá l’anno di fondazione della Casa, la foto dei primi modelli prodotti e quella del modello più iconico del 2018. Il percorso vuole valutare la trasformazione ingegneristica e stilistica di ogni marchio e la storia dell’industria automobilistica stessa, la quale ha ricoperto un’importanza fondamentale nell’economia e nello sviluppo della società moderna.

#intournè:

Come mai solo 45 giorni a Torino? Ma è semplice la mostra, grazie al patrocinio dall’Unrae (Unione delle Case estere) e dall’Anfia, andrà in giro per l’Italia per i periodi successivi. Tutto questo per rappresentare la volontà di Parco Valentino di incentivare la cultura dell’automobile partendo dai luoghi di paggio, pedonale, come piazze vie delle città.  

Le tappe per l’Italia saranno:

Modena via Emilia 1 giugno-1 luglio

Milano nel Castello Sforzesco nel mese di ottobre

Roma a cavallo tra giugno e luglio. 

Dal 15 maggio al 15 giugno i pannelli saranno portati a Caselle, più precisamente all’Aeroporto di Torino, dove troveranno posto anche i prototipi Pininfarina e GFG Style.

Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!