AutoDynamics sprigiona l’animo tuning del Mercedes-AMG GLE 63S2 min read

1 min read

Il tuning risulta essere sempre molto vario: alcuni filoni modificano il look delle auto, appesantendolo o rendendolo più aggressivo, altre correnti invece puntano più alla sostanza che agli orpelli.

Questa volta la Mercedes-AMG GLE 63 S Coupé elaborata da AutoDynamics appartiene esattamente alla seconda categoria, ovvero un look in linea con quelli della casa, ma è sotto al cofano che esce la bestia.

Non si vede, questo è vero, ma basta guardare il video sottostante per sentire e capire che emozioni può regalare un mezzo di questo tipo; già il nome non lascia nulla al caso: INFERNO.

#TuningoTraining: 

Turbocompressori personalizzati, centralina elettronica riprogrammata da zero con una nuova mappatura e un nuovo sistema di scarico: il risultato, per chi ama i numeri, sono 806cv di potenza e la follia dei 1.181Nm di coppia erogati dal V8, che sparano la vettura un uno 0-100 coperto in 3,2 secondi e velocità di punta di 336 km/h; statistiche da sverniciare anche la Lamborghini Urus.

Per farvi capire il lavoro svolto vi comunichiamo anche quelli della GLE 63 S Coupé in versione “stock”: qui il V8 da 5,5 litri eroga 585cv e 760Nm e arriva a 100 km/h in 4,2 secondi toccando una velocità limitata di 280km/h con il pacchetto AMG.

#Nientealcaso:

A corredo di questo allestimento troviamo il degli impressionanti cerchi da 23” della Vossen con pneumatici 295/35 all’anteriore e 335/30 al posteriore e sospensioni Brabus. Dal punto di vista estetico risulta impossibile non notare l’enorme presa d’aria anteriore e gli enormi passaruota che allargano la carreggiata, il resto ve lo lasciamo osservare…

Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Alessio Richiardi

Perito assicurativo, Laureato in Scienze della Comunicazione e Passione per le Auto .. Questo è il mix che compone questo blog... Metterci impegno e andare avanti un pezzo alla volta... ecco il pensiero... se poi quel pezzo è un bullone di un motore o ancor meglio una bella turbina... non c’è santo che tenga... bisogna provarla!